pubco%20bluprint%20_edited.png
TRIO JOUBRAN CUT.jpg
FTG.png

LE TRIO JOUBRAN

Tre fratelli, tre oud. Adnan, Samir e Wissam. Sul palco e in studio, i loro strumenti si uniscono come tre solisti che formano un'unica voce. L'oud, o liuto arabo, è diventato la voce delle loro anime, il cuore pulsante della loro esistenza con cui sono diventati tutt'uno. Sempre tre, insieme. Dal 2002 la loro reputazione ha continuato a crescere: dall'Olympia di Parigi alla Carnegie Hall di New York fino alle Nazioni Unite, hanno suonato davanti a un pubblico tutto esaurito. Accompagnate sul palco dal connazionale e percussionista Youssef Hbeisch, le loro composizioni lasciano spazio al loro eccezionale talento improvvisativo, e basta uno sguardo alle altre due perché le loro tre voci diventino rapidamente una.

Social media

  • Facebook
  • YouTube
  • Twitter
  • Instagram
  • PUBCO HOUSE

BIOGRAFIA

Le Trio Joubran (in arabo: الثلاثي جبران) è un trio di oud che suona musica tradizionale palestinese. Il trio è composto dai fratelli Adnan, Samir e Wissam Joubran, originari della città di Nazareth, che ora si dividono tra Nazareth, Ramallah e Parigi. I fratelli Joubran provengono da una nota famiglia con un ricco patrimonio artistico. La loro madre, Ibtisam Hanna Joubran, ha cantato le Muwashahat (poesie che hanno avuto origine nella Spagna araba) mentre il padre, Hatem, è tra i più rinomati costruttori di strumenti a corda in Palestina e nel mondo arabo. Samir Joubran, il fratello maggiore, ha iniziato una carriera musicale di successo nel 1996, quasi un decennio prima della formazione del Joubran Trio. Samir ha pubblicato due acclamati album Taqaseem nel 1996, seguito da Sou'fahm nel 2001. Per il suo terzo album, Samir ha invitato suo fratello minore, Wissam, ad accompagnarlo in duetti. Quell'album, Tamaas, è stato pubblicato nel 2003. Dopo essere tornato da un tour, Samir ha proposto di formare un trio con il fratello minore Adnan. Nell'agosto 2004, nei Giardini del Lussemburgo a Parigi, ha preso vita Le Trio Joubran. Le Trio Joubran, tre fratelli palestinesi, musicisti ricercati in tutto il mondo, stanno progredendo nella loro arte grazie a un grande impegno individuale e collettivo e al profondo amore e rispetto per la musica e il pubblico.

GRAFICO MONDIALE

le trio joubran world chart.jpg

PREMI

LE TRIO JOUBRAN awards1.jpg

Notizia

1920ocauoca600-1051.png

Intervista a Oud Maestros Le Trio Joubran

Quali consideri gli elementi essenziali della tua musica?

La profondità delle emozioni, è uno degli elementi essenziali della nostra musica, Le Trio Joubran fa del suo meglio per capire perché usano una nota meglio di un'altra, come una melodia diventa una melodia, un'immagine prima, una direzione, un sentimento e un messaggio, alcune melodie iniziano con un momento della vita di uno dei membri del gruppo, e questo si sviluppa in un concetto, e poi in una melodia.

Come compositori, miriamo a riportare o far rivivere emozioni che noi esseri umani abbiamo iniziato a mettere da parte, sfortunatamente i media, i social media ci hanno reso insensibili e ci hanno fatto vivere una vita illusoria di forza, bellezza, potere e gloria, che è non è molto un riflesso della realtà.

Altro elemento musicale come "Improvvisazione" che ci assicuriamo sempre che l'album, o la performance abbia, per tenere in allerta la nostra musicalità, e/o la fratellanza in movimento, noi improvvisare significa vivere, significa cambiare, da un concerto all'altro, significa scoprire te stesso, e lascia che l'altro ti scopra meglio.

Chi puoi citare come le tue principali influenze musicali?

Ultimamente, tranquilli pochi! Difficile non citare la carriera di Paco de Lucia e Keith Jarrett per Adnan, e di artisti classici come Abdel Wahab per Samir, e l'influenza del canto tradizionale arabo per Wissam.

Allo stesso tempo, ascoltiamo tutti musica diversa, jazz, tango, pop, rock, tango e classica occidentale e orientale! Credo che si debba ascoltare e continuare ad ascoltare tutti i tipi di musica, troviamo elementi che ispirano in ogni genere musicale.

Come si è evoluto l'ensemble dalle tue prime registrazioni?

La prima registrazione che credo fosse sperimentale in un modo che stavamo cercando di vedere se funziona, e così è stato!

Avere tre suonatori di oud, compositori, virtuosi, è una grande sfida. Abbiamo raggiunto il successo perché siamo fratelli e abbiamo potuto gestire bene questa missione tranquilla e dura perché ci siamo permessi di svelare i lati nascosti di noi, gli altri potrebbero piacere o non piacere, ma la fiducia, che è un altro significato di "fratellanza", potrebbe permetterlo.

All'epoca la composizione era un obiettivo secondario, anche se oggi abbiamo dimostrato a noi stessi che funziona, che non ci dovrebbero essere limiti nella composizione, e non c'è sempre bisogno di dimostrare le nostre capacità tecniche. Oggi ci fermiamo al titolo e ci fermiamo al messaggio. Ci assicuriamo che il messaggio sia presente e che la composizione lo serva, per complessità, lunghezza, direttività, suoni, strumenti e note.

I tre fratelli suonano l'oud, il liuto arabo. Dove hanno preso la formazione?

Veniamo da una famiglia unita alla musica e alla produzione di oud, nostro padre è la terza generazione in famiglia che costruisce lo strumento.

Samir, il maggiore, aveva in casa il fratello maggiore, l'Oud! Ha studiato con un insegnante locale e poi è andato al Cairo per imparare la musica.

Wissam ha iniziato in giovane età imparando musica e violino, poi ha preso l'oud come lingua e ha studiato liuteria in Italia (Istituto Antonio Stradivari).

Adnan, aveva due fratelli che suonano l'oud e un padre creatore di oud, quindi non aveva scelta per scappare da questo mondo! Solo all'età di 16 anni, prese in mano lo strumento e provò a suonare, e all'età di 18 anni era sul palco in tournée dopo essersi auto-formato e ascoltato i suoi fratelli e molti altri musicisti e musicisti.

Chi fa i tuoi oud?

Wissam Joubran.

Dove risiedi attualmente?

Adnan a Londra, Samir tra Parigi e Ramallah e Wissam a Parigi.

Raccontaci un po' del tuo nuovo album The Long March.

Due anni di discussioni e altri due anni di registrazioni! Non che dovrebbe volerci così tanto tempo! Ma siamo stati impegnati in tour con album precedenti e piccoli progetti collaterali, come musica per film e spettacoli importanti, e anche perché ora viviamo separati, ognuno con la sua famiglia in crescita, e ognuno in un paese diverso. Ci incontriamo in tournée, discutiamo e poi dedichiamo un periodo di registrazione. Ma questa volta ha dato maturità alle tracce e alle idee.

In questo album, abbiamo cercato di raggiungere un pubblico più ampio e di presentare l'oud a un pubblico più ampio, inoltre abbiamo cercato di introdurre nuovi suoni agli ascoltatori dell'oud. Abbiamo elettronica, suoni orchestrali, tribali e voci. L'oud è il cantante e tutti gli altri elementi supportano il cantante per rappresentare la storia.

Il corpo dell'album è la poesia di Mahmoud Darwish, che dice il messaggio dell'album. I titoli dei brani sono estratti da questo testo che sta cercando di raccontare questo mondo dell'industria e del potere  che siamo esseri umani. Prima e dopo tutto, la nostra umanità dovrebbe rimanere, nonostante la realtà di cancellarla, e prima che questo potere possa spazzarla via, difenderemo tutto ciò che abbiamo, anche le nostre ultime canzoni.

Abbiamo collaborato con il produttore musicale Renaud Letang, che è stata un'esperienza straordinaria, per consegnare il nostro bambino (composizione) e un altro musicista e maestro di produzione lo guarda e ne prende l'essenza.

Inoltre abbiamo avuto il privilegio di collaborare con Roger Waters per due tracce: un singolo che abbiamo pubblicato come videoclip dal titolo “Supremacy” prima dell'album; e un altro brano, “Carry The Earth” nell'album come dedica a quattro ragazzi uccisi sulla spiaggia di Gaza dalle forze israeliane.

Anche con Mohammad Motamdi, un cantante e cantante straordinario dall'Iran; un'orchestra orientale dalla Turchia; così come un'orchestra occidentale dalla Macedonia; e tanti altri musicisti di talento!

Siamo riusciti a colorare l'album. Ogni titolo deve avere un colore e un'influenza diversi, e nello stesso avere un messaggio che unisce le tracce while.